Nel comune di Marsala è stata presentata e approvata la realizzazione di un nuovo progetto che ha come intento la ricerca a livello storico con conseguente divulgazione del materiale reperito che prevede anche spettacoli interattivi, proiezioni cinematografiche a tema , organizzazione di mostre e vere e proprie produzioni multimediali di ogni tipo.

Tuto ciò è quello che viene previsto dal Protocollo d’Intesa “Marsala nella Grande Guerra”, siglato da un accordo tra il Centro Studi Internazionali Risorgimentali-Garibaldini, le scuole superiori e direttamente dal Comune della città di Marsala.
L’occasione viene presentata dalla ricorrenza dei cent’anni dalla Prima Guerra Mondiale del 1914-1918, che diede inizio ai conflitti mondiale e che vide l’Italia in prima linea con molti cittadini e soldati che sacrificarono la propria vita per la liberazione del Paese.

Il primo conflitto mondiale ha segnato, purtroppo, una svolta storica nella tipologia di guerra e ha coinvolto il mondo intero portando alla morte decine di migliaia di giovani che si sono trovati a dover fronteggiare una situazione sconosciuta e inizialmente non sono stati in grado di fronteggiarla nemmeno i governi dei paesi coinvolti.

L’occasione offerta da questo triste ma fondamentale anniversario dell’Italia e del mondo, è quella di raccogliere testimonianze e documenti anche non strettamente legati ai rapporti di guerra ma dell’intero periodo, che siano in grado di ricostruire nella maniera più dettagliata possibile quegli anni tristi e di come la guerra abbia influito non solo sulle vite dei cittadini ma anche sull’organizzazione burocratica e sulla vita dell’epoca.

Questo è un progetto formativo molto ambizioso su cui vale la pena porre un accento particolare per complimentarsi con ha avuto l’idea di far partire questo progetto e a chi è riuscito a farlo approvare e sicuramente potrà contribuire al patrimonio storico italiano nel modo migliore possibile e dunque al Comune di Marsala e tutti gli organizzatori.