Emilia Romagna. Si apre oggi, a Forlì, la mostra intitolata L’Eterno e il Tempo tra Michelangelo e Caravaggio. L’esposizione, organizzata dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, sarà visitabile fino al prossimo 17 giugno 2018 nei locali della chiesa convenutale di San Giacomo Apostolo.

In mostra le sperimentazioni artistiche dei più grandi maestri dell’arte italiana del Cinquecento e del primo Seicento, con una scelta particolare sul range cronologico d’interesse: si parte dal Sacco di Roma dal 1527 e si arriva alla data simbolo del 1610, anno segnato dalla morte di Michelangelo Merisi da Caravaggio.

Tra le opere che si potranno ammirare spiccano le presenze di quelle di Giorgio Vasari (artista e autore del celeberrimo “Le vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architettori”), di Federico Zuccari (colui che, ad esempio, insieme al Vasari ha affrescato la cupola di Santa Maria del Fiore a Firenze), di Sebastiano del Piombo (che fu amico di Michelangelo e sfidò Raffaello), di Daniele da Volterra (colui che oggi è più noto con il soprannome di “braghettone”: fu lui a dover coprire i nudi michelangioleschi della Cappella Sistina, non graditi alla vista di molti), e di artisti che chiaramente non hanno bisogno di altre presentazioni quali Raffaello.

La mostra, curata da Gianfranco Brunelli, avrà il compito di scandagliare profondamente questo periodo storico controverso, ricco di avvenimenti tragici e di profonda crisi spirituale, che però è stato uno dei secoli in cui si è insinuato il germe della nostra modernità grazie all’operato scientifico di Galileo Galilei.

Come ha detto anche lo stesso Brunelli, le opere in mostra daranno una lettura del Cinquecento e del Seicento così come li hanno vissuti e percepiti i diretti interessati, che poi hanno tradotto in chiave artistica un cambiamento che non è stato soltanto, meramente, cronologico. Dalla riscoperta dell’antico che ha portato al Rinascimento italiano si passa al secolo del Barocco, prima filtrato dall’esperienza artistica del Manierismo.

La mostra, aperta tutti i giorni (eccetto il lunedì) dalle ore 9:30 alle ore 19:00, con orario prorogato fino alle 20:00 nei giorni di sabato e domenica. Parte del ricavato ottenuto con i biglietti di ingresso sarà devoluto alla raccolta fondi in favore dei bambini organizzata da Mediafriends. La scelta è stata così spiegata dal team dell’organizzazione: “Si è voluto abbinare la bellezza di una esposizione d’arte di grande prestigio alla salvaguardia del futuro dei più piccoli, sapendo che un importante evento come la mostra forlivese possiede tutte le qualità per sensibilizzare l’opinione pubblica oltre che su un tema culturale di indubbio valore anche su quello della solidarietà sociale”.