Le meraviglie artistiche italiane sono davvero innumerevoli.

Che si tratti di dipinti, sculture o opere architettoniche, l’Italia non ha di certo nulla da invidiare a nessun altro paese del mondo. Di certo una delle arti più importanti e che più ha da dire la sua in Italia è la pittura. Innumerevoli sono i pittori che hanno contribuito a dare all’Italia lustro nei secoli e che hanno consegnato alla storia dell’umanità opere di valore inestimabile.

Uno di questi è di certo Giotto di Bondone. Giotto ha saputo esprimere il suo genio creativo a tutti i livelli ed è riuscito a consegnare all’umanità dei capolavori di valore inestimabile. Da tutto il mondo arrivano per ammirare i capolavori dell’artista fiorentino sparsi qua e là per tutta la penisola ma in particolare è uno il vero capolavoro che più di tutti lo rappresenta e ne consacra il genio: la Cappella degli Scrovegni.

La Cappella degli Scrovegni si trova nella città di Padova ed è accessibile a tutti. La Cappella conserva un ciclo di affreschi che fu commissionato a Giotto nel quattordicesimo secolo e che aveva lo scopo di rappresentare la vita di Gesù traendo ispirazione da più fonti letterarie. Questo ciclo di affreschi è visitabile previa prenotazione di orario e data proprio per preservarne l’integrità. Come anche il cenacolo vinciano conservato a Milano, anche la Cappella degli Scrovegni rischia una degradazione dovuta all’inquinamento.

Per questo motivo è stato creato un percorso che prevede un’anticamera che funge da filtro con l’esterno e che permette l’ingresso nella cappella solo tramite porte a chiusura collegata. Il numero di persone che può di volta in volta entrare è limitato proprio per permettere una migliore visione della Cappella. E’ inoltre consentito stare all’interno della stressa per un quarto d’ora e non oltre.

Il ciclo di affreschi di Giotto

Questo ciclo di affreschi di Giotto è il più famoso al mondo e uno dei più visitati. Turisti da tutto il mondo vengono per ammirare la maestria con cui l’artista ha deciso di ritrarre i personaggi biblici sulle pareti di questa piccola cappella che grazie agli affreschi appare così grande. La volta stellata che appare sopra alla testa del turista appena entra, lascia davvero senza fiato. Il blu acceso fa risaltare le stelle che incorniciano i volti di Cristo e degli altri personaggi biblici.

La rappresentazione sulla parete in fondo del Giudizio Universale contrappone al centro la figura del Cristo con a lato coloro che saranno salvati e coloro che, invece, finiranno tra le fauci fameliche di Lucifero. Lucifero viene rappresentato nella sua crudele maestosa mostruosità sul fondo a destra, guardando il dipinto. I corpi straziati da lui e dai diavoli assumono per la prima volta caratteristiche molto umane, che mai si erano viste prima di allora.

Sui lati della Cappella su tre registri sono rappresentate varie scene bibliche e sul fondo le virtù contrapposte ai vizi. E’ l’unico caso in cui virtù e vizi si contrappongono e non vengono unicamente rappresentate tutte da un solo lato. La maestria di Giotto è stata anche questa: innovare ciò che non era quasi più possibile innovare.

Se si capita a Padova è d’obbligo una tappa in questo meraviglioso luogo sennò vale la pena organizzare una breve gita fuori porta per ammirare questa e tutte le altre meraviglie della città.