A Parigi, un bambino di 4 anni penzolava da un balcone e davanti a se aveva un adulto incapace di aiutarlo. La tragedia sembrava l’unico risultato possibile, ma fortunatamente non è stato così. Qualche tempo dopo è infatti arrivato un giovane migrante, soprannominato “Spiderman” che è riuscito a salvare il bambino in pericolo. L’uomo è Mamoudou Gassama, ha 22 anni e viene dal Mali, un’ex colonia francese dell’Africa occidentale. Il ragazzo ha viaggiato senza documenti attraverso il Burkina Faso, il Niger, il Mar Mediterraneo e l’Italia fino ad arrivare in Francia.

Il salvataggio del bambino

Con una combinazione di grinta, agilità, e forza fisica, Mamoudou Gassama è passato da un balcone all’altro, uscendo da un parapetto per afferrare quello successivo. Una folla si era già radunata prima che l’uomo iniziasse il suo audace exploit che lo ha spinto sempre più in alto come si può notare dal video condiviso da coloro che hanno assistito alla scena. Alla fine, dopo aver attraversato ben 4 balconi, ha raggiunto il bambino e lo ha portato in salvo. Quest’atto di coraggio ed intraprendenza individuale ha iniziato a giocare nel dibattito europeo sugli stranieri, immigrati e rifugiati. Lunedì, dopo l’eroico salvataggio del bambino, Mamoudou Gassama ha incontrato prima la sindaca di Parigi e poi il presidente francese Emmanuel Macron che gli ha promesso la documentazione necessaria per vivere serenamente in Francia. L’uomo sarà uno dei pochi fortunati in un paese che ha delle regole di immigrazione sempre più rigide ed un atteggiamento scettico verso i rifugiati.

L’incontro di “Spiderman” con il presidente Macron e la sindaca di Parigi

Lo Spiderman del Mali, in jeans e maglietta, si è incontrato davanti alla telecamere con il presidente francese Emmanuel Macron. Quest’ultimo si è complimentato con il ragazzo per il suo eccezionale gesto e ha dichiarato “Diamo asilo ai migranti quando si trovano in pericolo, ma non per ragioni economiche. Ma nel tuo caso hai fatto qualcosa di incredibile. Un atto eccezionale non costituisce politica”. L’incontro con Macron è arrivato dopo quello con la sindaca di Parigi Anne Hidalgo che ha voluto ringraziarlo per il suo atto di coraggio. La sindaca ha dichiarato su Twitter “Mi ha spiegato che è arrivato dal Mali qualche mese fa, sognando di costruire la sua vita qui”. Poi ha aggiunto “Gli ho detto che il suo atto eroico è un esempio per tutti i cittadini e che ovviamente la città di Parigi sarà molto desiderosa di supportarlo nei suoi sforzi per stabilirsi in Francia”.