Moltissimi di noi hanno di certo sentito parlare almeno in ambito lavorativo di PEC. I più esperti sanno sicuramente di cosa si sta parlando anche se non la utilizzano giornalmente ma, per chi non è del settore informatico e non ha l’opportunità di sapere cos’è grazie al lavoro si trova in difficoltà. Le PEC non è altro che la Posta Elettronica Certificata che utilizza la stessa tipologia di protocollo di quella tradizionale ma ha delle variazioni molto importanti.

La differenza tra PEC e Posta Elettronica

La Posta Elettronica Certificata, a differenza di quella tradizionale, non utilizza protocolli differenti ma ha un livello di sicurezza maggiore. Al mittente, infatti, in questo caso viene fornito un vero e proprio certificato, sempre in formato elettronico, dell’invio del messaggio. Non solo l’invio viene certificato ma anche la consegna e la prova dell’integrità del messaggio viene certificata.

Il messaggio con la PEC viene completamente protetto in tutte le sue parti e la protezione ha una concreta validità legale da utilizzare come prova. E’ molto importante che le aziende utilizzino la PEC per poter proteggere i documenti inviati e tutelarsi in qualsiasi caso. Dal punto di vista della posta tradizionale, la PEC, non è altro che una raccomandata digitale con la ricevuta di ritorno.

Questa protezione è fondamentale per poter proteggere tutti i dati del caso e avere la controprova dell’arrivo del messaggio integro ed essere inattaccabili. Il valore legale consente l’opponibilità a terze parti dell’avvenuta consegna. La PEC può essere utilizzata da chiunque sia il legittimo titolare della stessa. Che sia un privato, un’azienda o anche la Pubblica Amministrazione, chiunque può richiedere una PEC.

Come attivarla

Attivare una casella di posta Elettronica Certificata è di certo più complicato che crearne una normale. E’ infatti necessario richiedere l’apposito modulo per l’attivazione che si trova sul sito www.sicurezzapostale.it. Nel form vengono richiesti tutti i dati anagrafici di colui che lo sta compilando e anche quelli della persona giuridica che egli rappresenta. E’ inoltre necessario acconsentire al trattamento dei dati personali all’ente interessato proprio per far si che il servizio possa essere erogato.

Se la richiesta è stata accettata allora verrà inviata una mail, alla casella di posta tradizionale, con il messaggio di conferma. Sarà poi dunque seguire le istruzioni inviate in cui verrà riassunta tutta la documentazione necessaria all’attivazione. per attivare la PEC è necessario il pagamento di una somma secondo le modalità riportate nei documenti ricevuti. Se si utilizzerà una carta di credito sarà necessario fornire un indirizzo email al fine di avere la ricevuta di conferma dell’avvenuto pagamento.

Una volta ricevuta la mail di conferma del pagamento si dovranno inviare al gestore tutti i documenti necessari controfirmati, la fine di completare correttamente l’attivazione. Quando il gestore avrà completato tutti i controlli necessari e avrà ricevuto il pagamento, allora attiverà la PEC e gli eventuali domini. Richiedere la PEC è sicuramente laborioso e non immediato come sistema di creazione di una mail ma talvolta necessario. Senza la PEC molto spesso non è possibile lavorare poiché alcuni documenti è necessario che siano protetti.