Se spesso quando si pensa alle vacanze si pensa anche e soprattutto alle mete marittime.

Talvolta però è anche bene soffermarsi sulle bellezze dell’entroterra di uno stato o regione.

Moltissime delle meraviglie di una meta soprattutto marittima come la Croazia si nascondono proprio nell’entroterra.

Sicuramente la costa dalmata con le sue isole, le sue calette e i suoi mari così trasparenti sono un’attrazione irresistibile.

Se però si progetta una vacanza in Croazia è bene sapere che anche l’entroterra nasconde luoghi meravigliosi.

Uno fra tutti è di certo il Parco Naturale dei Laghi di Plitvice.

Il Parco di Plitvice si trova nell’entroterra croato ad una distanza intermedia tra la città di Fiume e Zara ed è facilmente raggiungibile.

Il parco naturale di Plitvice è una meraviglia naturale nascosta di quelle che non si vedono tutti i giorni.

Il parco è formato da ben 16 laghi di diversa grandezza formati dai fiumi Bijela Rijka e Crna Rijeka, ovvero Fiume Bianco e Fiume Nero e da molte sorgenti sotterranee.

Tra loro i laghi sono collegati da piccole cascate per poi confluire tutti unicamente nel fiume Korana.

Visitare Plitvice

Le meraviglie di questo parco naturale visitabile attraverso differenti sentieri segnati su una mappa è davvero ineguagliabile.

Il divieto di balneazione e la cura adoperata per mantenere vivo questo parco ha fatto si che le moltissime specie di animali presenti potessero sopravvivere e riprodursi in serenità.

Anche le moltissime specie di alberi e piante presenti all’interno vengono curate e preservate per poter permettere la loro continua sopravvivenza.

In inverno il parco ha sentieri di visita ridotti sia per preservare le specie e perché, spesso, molte zone sono proprio impraticabili a causa della neve.

I mesi migliori in cui visitare il parco sono probabilmente la primavera e la fine dell’estate.

In questi periodi la stagione non è eccessivamente calda ma i fiori e le piante sono al massimo della fioritura.

Lo spettacolo che ci si prospetta davanti è davvero paradisiaco.

L’acqua, grazie alla sua purezza e trasparenza, assume tutti i colori del cielo e delle piante circostanti e sembra davvero di essersi addentrati in un paesaggio da fiaba.

I percorsi indicati sulla mappa sono pensati proprio per impedire al visitatore di danneggiare quell’area protetta ma, al temo stesso, per permettergli di osservare da vicino le bellezze naturali al massimo del proprio splendore.

Le passerelle su cui è possibile passare mostrano un percorso lungo 18 km che è bene percorrere nell’arco di tutta la giornata per godere a pieno di questo spettacolo della natura.

Inoltre nel 1979, il Parco dei Laghi di Plitvice, è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Come arrivarci

Il Parco è molto facile da raggiungere e dista circa 215 km da Trieste.

Ogni anno moltissimi turisti fanno visita al parco.

Alcuni di loro permangono nei pressi del parco più giorni per poter entrare nuovamente i giorni successivi perché le bellezze da scoprire sono moltissime.

È possibile soggiornare nei pressi del Parco in diverse strutture, dal momento che l’attrazione principale di quei luoghi è proprio il Parco.

È di certo raccomandabile prenotare con largo anticipo, dal momento che il Parco è molto frequentato durante tutto l’arco dell’anno.

Di conseguenza, arrivare senza essere sicuri di potersi fermare non è consigliato ed è preferibile informarsi prima sulle disponibilità.

All’ingresso, oltre al biglietto, è possibile acquistare anche un mappa in grado di piegare sia i percorsi che le particolarità del Parco Naturale.

Se si desidera effettuare un viaggio per unire una vacanza al mare ma senza rinunciare alle bellezze naturali che l’entroterra offre, di certo la Croazia e il Parco Naturale dei Laghi di Plitvice, sono la scelta giusta.