Dalla Sicilia arrivano nuove notizie per quanto riguarda il cambiamento della situazione lavorativa, soprattutto dei giovani.

Se fino a circa una decina di anni fa le imbarcazioni presenti sul territorio erano circa 4000, ad oggi, si fermano intorno ai 2500 circa.

Questa svolta pare essersi più o meno stabilizzata ma ha di certo portato molti giovani a cercare nuove occupazioni.

La svolta in Sicilia

I fondi comunitari hanno aiutato moltissimi giovani a cercare lavori differenti e collaterali a quelli dei propri nonni o padri.

Riuscire ad avere fondi sufficienti per poter riammodernare le case già di proprietà dei loro famigliari e riconvertirle è stato un ottimo passo avanti.

L’intento di molti giovani non è di certo quello di abbandonare la Sicilia o le vecchie tradizioni, ma di cercare nuove vie che permettano un sostentamento.

La via giustamente percorsa è quella del turismo che, in Sicilia, trova il suo sbocco e sfruttamento più naturale.

Il mestiere del pescatore, quindi, va solo a ridursi e non perdersi fortunatamente.

Nuova accoglienza per i visitatori

Trasformare la propria abitazione, magari molto vicino al mare e con una vista spettacolare, in un albergo o ristorante è di certo un’ottima scelta.

Il pescato andrà ad arricchire la cucina di quella nuova struttura e permetterà di offrire ai visitatori il meglio della cucina a base di pesce.

Dal momento che molte leggi, oggi, tutelano l’ambiente e la pesca selvaggia in molte zone, la diminuzione della pesca è stata anche una costrizione.

Tuttavia è importante salvaguardare l’ambiente per poter preservare le bellezze naturali e la fauna del luogo, per cui la regolamentazione è stata di certo necessaria.

I fondi, infatti, sono stati messi a disposizione proprio per incentivare i giovani a trovare strade differenti che potessero permettergli un sostentamento.

Al tempo stesso, era importante unire il patrimonio artistico e naturale della Sicilia con qualcosa di davvero concreto.

Il turismo non è mai stato un problema per la Sicilia e l’Italia intera che a sua disposizione ha un patrimonio immenso.

E’ tuttavia molto importante valorizzare al meglio questo patrimonio e cercare di preservarlo il più possibile e sfruttare il turismo nella maniera corretta.

E’ importante offrire al turista ciò di cui ha bisogno e cercare di creare un ambiente accogliente che dia  il senso di innovazione e tradizione al tempo stesso.

La Sicilia sta operando da anni questa trasformazione che dovrebbe essere presa di certo d’esempio da tutti.