I ricci di mare non sono solo buoni, ma sono inoltre un vero e proprio elisir di buona salute. Alcune ricerche scientifiche condotte in Italia hanno infatti dimostrato che questi squisiti frutti di mare fanno bene al cuore e sono ottimi per combattere i radicali liberi. In questo articolo approfondirò gli studi compiuti dai ricercatori italiani sulle molecole presenti all’interno dei ricci di mare.

Le molecole che fanno bene al cuore

Tantissime persone amano il sapore delicato ma inconfondibile dei ricci di mare. Pertanto, voi amanti dei ricci, sarete felici di sapere che questo delizioso piatto non è soltanto buono. All’interno dei ricci di mare vi sono infatti delle molecole che fanno molto bene al cuore. Esse hanno la funzione di favorire il funzionamento dei sistema cardiovascolare, del flusso sanguigno all’interno dei vasi e di neutralizzare i radicali liberi. Queste molecole sono i cosiddetti “ovotioli” che possono essere anche assunte sotto forma di integratore. Gli ovotioli sono stati oggetto di sperimentazioni scientifiche, in particolare sulle cellule endoteliali dell’uomo. Quest’ultime hanno la funzione di rivestire i vasi sanguigni, i vasi linfatici ed il cuore.

Da chi è stato condotto lo studio sugli ovotioli?

Lo studio sugli ovotioli è stato condotto dalle due ricercatrici italiane: Imma Castellano e Anna Palumbo che lavorano nella Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, in Italia. Le due studiose hanno inoltre collaborato anche con il gruppo di ricercatori di Assunta Pandolfi che lavorano nell’Università di Chieti. Queste ricerche sono state pubblicate sulla rivista “Medicina ossidativa e Longevità cellulare”.

La ricerca sugli ovotioli

I ricercatori italiani hanno osservato da vicino gli ovotioli, le molecole presenti all’interno dei ricci di mare. I risultati della ricerca sono stati grandiosi e più che positivi. Gli studiosi hanno infatti trovato queste molecole sulle cellule endoteliali umane. Le cellule endoteliali sono quelle che coprono la superficie interna dei vasi sanguigni, dei vai linfatici e del cuore. Per condurre questo esperimento scientifico, i ricercatori hanno isolato le cellule della vena ombelicale di donne con il diabete gestionale ed di altre donne in salute. I risultati hanno entusiasmato gli esperti perché una volta somministrati gli ovotioli, ci sono stati degli enormi benefici. E’ migliorato infatti il flusso dei sistema sanguigno, si è ridotta la presenza di radicali liberi e sono aumentati i livelli di ossido nitrico, un mediatore del processo di vasodilatazione. La presenza di queste molecole all’interno dei ricci di mare hanno reso quest’ultimi un elisir per la salute e per la giovinezza.