In tempo di crisi,risparmiare denaro non è semplice: insomma facile a dirsi, difficile a fare. Ma con qualche mossa astuta e qualche sacrificio mettere da parte i soldi non è cosi difficile. Vediamo quali possono essere le possibili mosse per avere qualche soldo in più e risparmiare sulla spesa alimentare che è una delle somme che più se ne vanno sullo stipendio, dopo l’affitto o il mutuo.

Fondo di emergenza

In primis, creare un ‘fondo di emergenza’ per le spese non previste e aumentarlo di tanto in tanto. Da premettere che tutto dipende dal proprio stipendio: se il  compenso è basso, maggiori le spese minori e le possibilità di risparmiare.

Tagliare le cene fuori casa

Una volto prefissato l’obiettivo del fondo destinato alle emergenze, è bene mettere una piccola somma da parte a settimana come venti o trenta euro,  tagliando il superfluo come la colazione fuori casa ad esempio e il consumo di cibo legato all’impulso della fame. Una mossa intelligente è invece legata alla spesa alimentare: vedere sempre le offerte dei supermercati e confrontarle in base al rapporto qualità prezzo! Si sa che mangiare tutti i giorni fuori casa oltre che dispendioso non è nemmeno salutare.

L’importanza della ‘lista’ della spesa e l’attenzione per le promozioni

Buona idea è portarsi sempre il pranzo fuori casa e limitare al minimo le cene fuori, se non almeno una o due volte al mese. Tornando alla spesa del super, un’ottima ricetta e programmare la propria spesa di settimana in settimana creando una lista ad hoc per tutte le esigenze stando attenti alle promozioni e alle date di scadenza. Non tutte le promozioni sono convenienti: nella maggior parte delle volte vengono preparate aree con prodotti che sembrano avere prezzi scontatissimi ma a volte costano uguale o di più. È il fatto che un prodotto sia in offerta non è detto che sia di qualità. Diverse le promo multipack dedicati alla pulizia della casa o all’igiene personale che spesso sono molto convenienti.

Meglio la frutta e verdura di stagione al mercato

Per la frutta e verdura, è meglio andare al banco che al supermercato o rivolgersi ai piccoli coltivatori che hanno prodotti più freschi o ai cosidetti GAS- gruppi d’acquisto solidali.

Comprare singole confezioni

Un altro consiglio è di acquistare singole confezioni e non i maxi formati – salvo diverse esigenze- in modo da poter consumare subito e anticipare le date di scadenze: è il caso di salumi, latte, latticini e carne. Prodotti eco-sostenibili è anche più freschi. Evitiamo anche il cibo già pronto come i surgelati che hanno tanti conservanti e costano il doppio rispetto ad unico pasto: costa di più la pasta surgelata che cucinarla con il singolo prodotto. In ultimo, portarsi le buste da casa! A fine mese avrai risparmiato si e no cinque euro.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]