Su questo nuovo governo si sono spese moltissime parole e quello che sicuramente sta facendo più di tutti gli altri è dividere l’opinione pubblica. Se da un lato le critiche spesso sono aspre e feroci, dall’altro i consensi sembrano crescere esponenzialmente. Il Ministro che di certo con le sue uscite più fa discutere è Matteo Salvini che divide più di ogni altro l’opinione pubblica.

Il Ministro dell’Interno fa spesso uscite molto forti sulle idee che vorrebbe mettere in atto creando fratture anche molto profonde. Con lo stesso partner di governo, Luigi Di Maio, si sono create talvolta incomprensioni anche difficili da gestire. Questo perché, esistendo un contratto di governo con punti ben precisi, uscire da questi parametri diventa difficile.

L’ultima uscita in ordine di tempo che ha fatto molto discutere è stata la volontà del Ministro Salvini di reintrodurre il servizio di leva obbligatoria. Secondo Salvini i giovani di oggi non sarebbero in grado di rispettare regole abbastanza ferree e di rispettare la legge perché non più abituati ad un servizio di leva che insegnasse loro i valori fondamentali.

Matteo Salvini è fermamente convinto che questa possa essere una buona soluzione disciplinare per quella che, secondo lui, è una generazione decisamente refrattaria alle regole. Per ora quella del Ministro rimane solamente un’idea ma c’è la ferma volontà di portarla avanti.

La polemica contro la leva obbligatoria

Questa uscita ha da subito messo in agitazione l’opinione pubblica andando, come sempre, ad acuire quel divario tra sostenitori e oppositori. La Lega ha innegabilmente acquistato sostenitori dall’inizio della legislatura anche e soprattutto grazie al suo leader decisionista e fermo sulle sue convinzioni. Nonostante a livello di leggi non sia ancora realmente stato fatto molto, come progetti, la carne al fuoco è davvero moltissima.

Come sempre se da un lato i sostenitori di Salvini hanno applaudito, accolto e condiviso in pieno questa idea, dall’altro, moltissimi si sono schierati contro l’idea del Ministro. Secondo molti questa idea sarebbe inutile e retrograda. I fondi che si andrebbero ad investire per questa operazione sarebbero assolutamente persi per qualcosa di inutile  e per nulla costruttivo.

La leva obbligatoria è stata eliminata anche e soprattutto perché non si ha più intenzione di intraprendere guerre di alcun tipo e i trattati di pace dovrebbero essere garanti di questo. Il fatto che si voglia reintrodurla, per molti, è un segno retrogrado che non starebbe al passo con i tempi e i soldi da investire per questa operazione ritenuta da alcuni inutile, potrebbero essere investiti diversamente.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]