La settimana scorsa, la Scozia è diventata il primo paese al mondo ad offrire assorbenti a tutte le studentesse delle scuole e delle università. Per arrivare a questo, lo schema scozzese si è basato su ricerche che dimostrano che quasi una donna su quattro a scuola o all’università ha vissuto periodi in cui aveva problemi economici. Questo significa che molte donne hanno faticato per acquistare mensilmente i loro assorbenti. In alcuni paesi, i movimenti femministi stanno lottando per far abolire la tassa sugli assorbenti e cioè l’IVA imposta su questo tipo di prodotti. Questo perché avere il ciclo mestruale non è una scelta e quindi gli assorbenti non sono un bene di lusso. Il Canada ha già abolito la tassa sugli assorbenti, la Francia l’ha ridotta e l’Italia non ha mai preso in considerazione la proposta di farlo.

Scozia: assorbenti gratis a tutte le studentesse

La Scozia ha speso 5,2 milioni milioni di sterline per offrire assorbenti a ben 395.000 studentesse con l’obiettivo di “bandire il flagello della povertà del ciclo mestruale”. La ministra scozzese Aileen Campell ha dichiarato che è inammissibile che in un paese ricco come la Scozia, le ragazze debbano far fatica ad acquistare prodotti indispensabili come gli assorbenti. Per questo motivo, chi ne ha bisogno ma non se li può permettere, avrà modo di riceverli in modo dignitoso. Facendo così le studentesse delle scuole e delle università potranno concentrarsi interamente sullo studio e non su questa problematica. Anche altri paesi del Regno Unito stanno pensano di avviare un programma simile, in particolare l’Irlanda, dove già le insegnanti offrono assorbenti alle loro studentesse.

La tassa sugli assorbenti verrà abolita oppure no?

In numerosi paesi del mondo, il movimento femminista sta lottando per far abolire la tassa sugli assorbenti, cioè l’IVA imposta a questo tipo di prodotti sanitari. Questo perché gli assorbenti non sono un bene di lusso, ma un bene di prima necessità. In tutti questi anni, i movimenti femministi hanno protestato con il “free bleeding” e cioè di non utilizzare gli assorbenti durante il ciclo mestruale così da macchiare gli indumenti. Nel corso degli anni 2000, il Regno Unito ha abbassato l’IVA sugli assorbenti e nel 2015 hanno proposto di toglierla completamente, ma il responso è stato negativo. La catena di supermercati britannica Tesco ha ridotto del 5% il prezzo degli assorbenti e di altri prodotti femminili. Molte altre catene di supermercati hanno seguito questa linea, ma ancora il governo non ha abolito del tutto la tassa.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]