Grande vittoria durante queste Olimpiadi Invernali 2018 di PyeongChang. per l’Italia. Per la prima volta dopo la vittoria ad Oslo nel 1952 da parte di Zeno Colò, l’Italia arriva a conquistare l’oro olimpico femminile in discesa. Questo è stato reso possibile grazie a Sofia Goggia che durante la competizione a Jeongseon ha surclassato di ben 47/100 l’atleta statunitense Lindsey Vonn e di 9/100 Ragnhild Mowinckel, norvegese. La vittoria della Goggia entrerà nella storia e in questo modo l’atleta italiana ha reso grazia alle sue capacità tecniche eccellenti, alla passione e alla dedizione sua e degli allenatori azzurri. La 26 enne Sofia Goggia è nata a Bergamo il 15 novembre 1992 e fin da piccola ha iniziato a praticare lo scii, all’età di tre anni. Si è lanciata nel mondo delle gare intorno al 2007 raggiungendo dei piccoli, seppur formativi risultati, successivamente nel 1013-2014 entra nella squadra Coppa del Mondo ed in questo periodo la fortuna non è dalla sua parte. L’atleta infatti si infortuna prima al legamento crociato anteriore durante la discesa libera di Lake Luise e successivamente quando sembra essere pronta a tornare nella sua carriera sportiva le viene trovata una cisti al ginocchio che la costringe ancora a fermare il suo percorso. Tuttavia, le pene e la dedizione di Sofia sono state ripagate. Infatti dal 2016 le vittorie sono state molte e quest’ultima è la conferma di un grande talento. La Goggia teneva molto anche al SuperG, ma per un errore non è riuscita ad ottenere il risultato sperato, nonostante ciò non si è fatta demordere e ha dimostrato, sopratutto a se stessa quanto vale. Inizialmente la Mowinchel ha dato filo da torcere all’atleta bergamasca, che però con grande dimestichezza e capacità ha saputo prendere il sopravvento. Il sorriso della campionessa all’arrivo al traguardo è stato indici di un incredibile soddisfazione, data una tecnica perfetta, sicura, nonostante l’ elevata velocità che ha saputo mantenere costantemente seguendo traiettorie perfette.