Oggi è il solstizio d’inverno, ovvero il giorno in cui la stagione invernale ha inizio. Oggi è anche il giorno più corto dell’anno e il sole tramonterà alle ore 16.59, dando il via alla notte più lunga dell’anno. Da domani infatti, le giornate torneranno progressivamente ad allungarsi di circa un minuto al giorno, per poi arrivare all’equinozio di primavera, che darà il via alla nuova stagione. Questa giornata ha nel tempo assunto significati diversi e fin dall’antichità comunque, ha rappresentato un passaggio molto importante durante l’anno.

Il Solstizio d’Inverno

Oggi alle 16.59 inizierà la notte più lunga dell’anno e da domani le giornate torneranno ad allungarsi di circa un minuto al giorno. Domani inizierà infatti l’inverno astronomico e questa ricorrenza ha a che fare con il movimento che il nostro pianeta compie intorno al Sole e attorno al proprio asse e non solo. E’ infatti importante anche l’inclinazione dell’asse stesso e l’apparente moto del Sole nel cielo della Terra.

L’asse terrestre, durante il Solstizio d’inverno, è inclinato in modo tale da trovarsi nel punto più lontano possibile dal Sole. Il Sole, nella giornata di oggi, si troverà nel punto più basso del cielo all’interno del nostro sistema astronomico e il suo passaggio sulla linea dell’orizzonte sarà il più corto dell’anno.

Mentre nel nostro emisfero, l’emisfero boreale, domani inizierà l’inverno con il giorno più corto dell’anno, al contrario nell’emisfero australe si assisterà al Solstizio d’estate. Nella giornata di domani infatti, nell’emisfero australe avrà inizio il solstizio d’estate che coincide con il giorno più lungo dell’anno e l’inizio della stagione estiva. Proprio a causa dell’inclinazione terrestre, mentre da un lato il sole si trova nel punto più distante dalla Terra, dall’altro si trova nella posizione più vicina.

Il Solstizio nella tradizione

Il giorno del solstizio d’inverno è una ricorrenza da sempre festeggiata in moltissime popolazioni antiche. Per gli antichi romani si trattava del sol Invictus e Angeronalia, che corrispondeva al giorno di nascita del Sole Invitto “Dies Natalis Solis Invicti”. I Cristiani celebrano questa giornata traslata di qualche giorno con la festività del Natale. Nel caso dei popoli germanici e scandinavi, la ricorrenza era sempre quella legata alla nascita del sole denominata Jul, che deriva dalla lingua nordica e sta per hiól o jól ovvero ruota o disco, inteso come disco solare.

Il solstizio trova radici anche nella famosa Stonehenge in Inghilterra, dove ogni anno si celebra l’inizio dell’inverno con il Sole accolto all’interno del cerchio costruito con i sassi. Un momento davvero particolare e sempre suggestivo che i viaggiatori amano particolarmente. Spesso si fa confusione considerando il giorno più corto dell’anno Santa Lucia che cade il 13 dicembre, ma è un errore. Il giorno più corto dell’anno è sempre il solstizio d’inverno ma viene talvolta considerato Santa Lucia a causa della la sfasatura fra calendario solare e calendario civile e dove il Solstizio cadeva proprio fra il 12 e il 13 dicembre, prima del 1582.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]