Gli archeologi hanno scoperto quello che potrebbe essere il più grande sacrificio di massa di bambini della storia umana. Più i 140 bambini sono stati infatti sacrificati circa 550 anni fa nella regione costiera settentrionale del Perù. La prima scoperta di vittime di sacrifici umani in questo stesso sito è stata nel 2011 ed è conosciuta come “Huanchaquito – Las Llamas”, in cui durante lo scavo di un tempio di 3.500 anni, sono stati trovati i resti di 40 persone e di 74 lama. Pare inoltre che i bambini fossero stati prima imbrattati di un pigmento rosso vivo, fatto di cinabro. I lama che hanno subito lo stesso destino, erano tutti di età inferiore ai 18 mesi e sono stati seppelliti ad est, verso le Ande.

Una terribile scoperta

E’ stata fatta una terribile scoperta vicino al moderno Trujillo che si trova nelle vicinanze del centro dell’antica civiltà Chimù. Oltre 200 giovani lama sono stati sacrificati insieme a 140 bambini. Si tratta di una scoperta senza precedenti, supportata dalla National Geographic Society e diffusa in esclusiva sul sito web di National Geographic. John Verano, uno dei principali ricercatori, alla pubblicazione ha dichiarato “Io, per esempio, non me lo sarei mai aspettato. E non penso che nessun altro lo avrebbe fatto”. National Geographic ha riferito che il riscontro conclusivo di 140 bambini di questa settimana, mostra che le vittime erano di un’età compresa tra i 5 ed i 14 anni, anche se maggior parte aveva tra gli 8 ed i 12 anni. I bambini sono noti per essere vittime di sacrifici umani, in quanto hanno nel loro copro segni di tagli, in particolare alle ossa, allo sterno e all’osso che si trova al centro del petto. Pare inoltre che siano state danneggiate anche le loro costole, il che potrebbe indicare che il cuore è stato rimosso.

Qual è la ragione di questi sacrifici umani?

Un altro ricercatore, Gabriel Prieto, ha dichiarato “Quando le persone sentono parlare di ciò che è accaduto e del numero di bambini sacrificati, la prima cosa che chiedono è sempre perché”. Lo scavo fornisce un suggerimento: lo strato di fango in cui le vittime sono state sepolte, potrebbe essere stato causato dalle forti piogge ed dalle inondazioni in una zona che solitamente è asciutta. Questo è stato probabilmente causato da un evento meteorologico estremo, come “El Nino”. Il National Geographic riferisce che un evento del genere potrebbe aver disturbato la pesca marittima della zona, mentre le inondazioni costiere avrebbero potuto sopraffare l’estesa infrastruttura di canali agricoli dell’antica civiltà Chimù. I biologo archeologico Haagen Klaus di National Geographic ha rivelato che i bambini potrebbero essere stati sacrificati quando hanno visto che il sacrificio degli adulti non è servito a placare gli eventi climatici avversi. Poi ha aggiunto “Le persone sacrificano ciò che è di maggior valore per loro. Potrebbero aver visto che il sacrificio degli adulti era inefficace, le piogge continuavano e forse c’era bisogno di un nuovo tipo di vittima sacrificale”.