Un donna sudafricana si sta riprendendo in ospedale dopo essere stata scoperta viva all’interno di un frigo mortuario. La signora è stata portata all’obitorio di Carletonville, nella provincia di Gauteng, in Sudafrica. La donna era stata dichiarata morta dai paramedici in seguito a un incidente stradale ma poi si è improvvisamente svegliata. Non è la prima volta che quest’anno una persona si è svegliata in un obitorio dopo essere stata dichiarata morta. Nel mese di gennaio, un detenuto in una prigione della regione delle Asturie in Spagna ha ripreso conoscenza alcune ore prima dell’esecuzione dell’autopsia. Tre medici lo avevano certificato già morto. Non è nemmeno la prima volta che accade in Sudafrica. Sette anni fa, un uomo di 50 anni si è svegliato gridando in un obitorio di Capo Orientale. Nel 2016 un’altra vittima di una incidente stradale, dal KwaZulu Natal, è stata dichiarata morta, ma il giorno successivo si è ritrovata a respirare. Tuttavia è morta cinque ore dopo la scoperta.

Donna dichiarata morta si risveglia all’obitorio

Secondo i rapporti del sito Web di TimesLive in Sud Africa, la società di ambulanza Distress Alert del paese ha dichiarato di aver mostrato “nessuna forma di vita”. Ma quando un operaio dell’obitorio è tornato a controllare il corpo nel frigorifero, ha trovato che la donna stava respirando. Un funzionario ha confermato ai media locali che la donna è stata portata in un ospedale ad est di Johannesburg dopo essere stata indirizzata dagli ufficiali di polizia legale. Il suo nome è ancora sconosciuto.

La reazione della famiglia della donna

È in corso un’indagine sull’incidente, con la famiglia che ovviamente chiede risposte. Ecco cosa ha dichiarato, in anonimato, un membro della famiglia ai media locali “Come famiglia non parleremo di questo se non sono presenti la polizia, i paramedici e gli ufficiali mortuari coinvolti. Abbiamo bisogno di risposte“. L’uomo ha poi riferito che al momento della terribile scoperta, la sua famiglia era sotto shock. Dopodiché ha aggiunto “Il problema è che abbiamo bisogno di risposte, è tutto ciò che vogliamo e non abbiamo alcuna chiarezza ora”. Gerrit Bradnick, il responsabile delle operazioni di allarme di emergenza, ha dichiarato che non ci sono prove di alcuna negligenza a suo nome. L’uomo ha riferito ai media “Questo non è accaduto perché i nostri paramedici non sono adeguatamente formati”. Il signor Bradnick ha poi aggiunto di essere una delle numerose persone coinvolte in un incidente automobilistico che ha lasciato due altri morti domenica 24 giugno.