Può essere un primo o un piatto completo quello del timballo al salmone, ottimo per la vigilia di Natale. Per sapere quali ingredienti usare e come prepararlo, si può continuare a leggere questa pagina.

Gli ingredienti

Questo timballo va bene per sei persone (magari anche di più), e per prepararlo occorrono:

  • quattro etti di riso;
  • 80 grammi di salmone affumicato, affettato in maniera sottile;
  • cinque etti di bietoline;
  • un etto e mezzo di mozzarella, affettata a scaglie;
  • due cipolline;
  • un litro ed un quarto di brodo;
  • 40 grammi di burro;
  • due bustine di zafferano;
  • un cucchiaio di parmigiano;
  • una tazzina di panna;
  • un tuorlo;
  • 40 grammi di pangrattato finissimo;
  • sale e pepe.

La preparazione

Si comincia a preparare questa ricetta tritando le cipolline e lasciarle appassire in una casseruola, con un cucchiaio di burro, gettandovi poi il riso e lasciarlo saltare, fino a che non diventerà lucido e trasparente. A questo punto, si può iniziare la cottura del risotto, aggiungendo al riso il brodo, un poco alla volta, tenendolo sempre leggermente bagnato. Quando la cottura sarà quasi ultimata, all’ultimo mestolo di brodo, si dovrà aggiungere anche lo zafferano.

A fuoco spento, al risotto andrà incorporata la panna, in cui prima si saranno fatti sciogliere il tuorlo ed il parmigiano, facendo mantecare il tutto brevemente. Dopodiché, si scotteranno le bietoline, facendole poi saltare in un tegame sempre con un po’ di burro.

Si imburra uno stampo e si cosparge di pangrattato, versandovi poi prima metà del riso, e sopra, nel seguente ordine, si dovranno adagiare: le bietoline, le fettine di salmone e la mozzarella a scaglie. Si ricopre con l’altra metà del risotto, livellando la superficie con una mano unta d’olio, completando poi con uno strato fitto di pangrattato e del burro a fiocchetti. Infine, si farà cuocere in forno a 200° per una ventina di minuti.

A questo timballo, si potrà abbinare un vino bianco che si sposa bene con il salmone affumicato, purché secco e delicato. E’ possibile, inoltre, anziché cuocere il riso in un’unica pirofila in piccoli stampi per timballi, in modo da realizzare delle monoporzioni (magari con un tempo di cottura più breve).

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]