Come ogni anno è ripartita la kermesse che porta Torino ad essere la capitale del gusto almeno per un weekend. L’evento è organizzato con l’associazione Slow Food e nei cinque giorni di manifestazione è stimato che possa richiamare l’attenzione di circa 200 mila curiosi.

La Terra Madre Salone del Gusto, questo il nome della kermesse, ha in programma cinque giorni in cui la cucina la farà da padrone e in cui il cibo sarà il protagonista assoluto. Lo scopo di questo evento, infatti, è promuovere a più ampio raggio il cibo e la cultura culinaria in generale tipicamente italiani. La cucina italiana ha un posto di grande rilievo a livello internazionale  Questo progetto è da sempre organizzato con la collaborazione della città di Torino. Collaborano al progetto anche la Provincia e il Turismo della città di Torino. La qualità raggiunta è tale che questo evento ha avuto un rilievo internazionale e che la cultura del cibo italiano si sta man mano diffondendo a macchia d’olio. I visitatori richiamati da questo evento, infatti, non sono solo italiani ma anche stranieri.

I turisti stranieri, infatti, non apprezzano solamente il nostro paese per le bellezze naturali e artistiche ma anche per il buon cibo. Non è un segreto, infatti, che i primi ad apprezzare la nostra cucina siano proprio i turisti stranieri che spesso ne apprezzano la grande varietà.

L’importanza del Salone del Gusto di Torino

L’importanza dal punto di vista economico di questa manifestazione è indiscusso. La promozione della cucina italiana e del territorio in particolar modo è fondamentale. Questo settore sta diventando fondamentale e trainante per la nostra economia che ha grosse difficoltà di crescita. Poter promuovere prodotti provenienti dall’Italia e in particolar modo da Langhe, Roero e Monferrato è importantissimo per riprendere la crescita.

Che siano prodotti salati o dolci, al Salone del Gusto, è possibile trovare davvero di tutto e per tutti i palati. Torino è la capitale del Gianduiotto, il famoso cioccolatino che per l’occasione si rinnova. La bontà del cioccolato torinese e dei maestri nell’arte dei dolci è rinomata e questa è un’occasione in più per apprezzarne la bravura. Questi cinque giorni Torino sarà il meraviglioso sfondo di questo succulento evento che promette di raggiungere cifre davvero da record. Non ci resta che attenderne l’inizio e soprattutto non resta che preparare il proprio palato ad assaggiare le leccornie sparse per tutta la capitale del Gusto.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]