La RCA è senza dubbio una delle spese che più grava sul budget di chiunque possegga una propria auto. Ma si tratta, come per altri costi, di un qualcosa di irrinunciabile per circolare in regola con il proprio veicolo. C’è, però, una categoria di automobilisti spesso poco considerata ma che altrettanto spesso deve comunque sostenere le spese di un’assicurazione: quelli che utilizzano molto poco la propria auto. Si tratta di guidatori che non percorrono decine di km giornalmente ma che devono comunque sostenere i costi per la propria RCA.

Ebbene, la notizia è che qualcosa “si muove” in merito. Difatti, è possibile risparmiare somme ingenti per la propria assicurazione se si guida molto poco la propria auto. Ma come? Vediamolo.

  1. Aprire un’assicurazione auto giornaliera

Le assicurazioni auto giornaliere sono un nuovo modo di assicurare una macchina che si trova per strada molto poco. Sono simili alle polizze RCA obbligatorie poiché detengono anche delle garanzie aggiuntive come la copertura dell’automobilista in caso di infortunio, furto e così via. Ciò che cambia è la durata dell’assicurazione. Difatti, si parla di una RCA che copre il solo giorno in cui si ha intenzione di usare la macchina. Da qui, appunto, il termine “giornaliera”. Alcune compagnie, però, possono offrire anche un periodo leggermente più esteso, fino anche ai 5 giorni. Per usufruire di questo servizio, basterà comunicare alla propria azienda assicurativa quando si intende usare l’auto, con un preavviso di almeno 24 ore. Dopo averne dato conoscenza, si otterrà una mini RCA per poter circolare legalmente.

  1. Assicurazione auto mensile

Molte compagnie offrono altri tipi di assicurazioni temporanee. In questo caso, parliamo di una RCA di durata mensile. Come detto, si tratta sempre di un’assicurazione nella quale sono comprese tutte le varie agevolazioni per l’automobilista ma con una variazione del tempo. In questo caso, l’RCA ha validità 30 giorni e scatta a partire dalle ore 24 del giorno di attivazione e conclude dopo i 30 giorni esatti.

  1. Assicurazioni auto trimestrali e semestrali

Per chi, ad esempio, ha intenzione di usare la propria macchina nei solo 3 mesi estivi o per tutto l’inverno, ci sono RCA sia trimestrali che semestrali. Le prime hanno la semplice durata di 3 mesi mentre le seconde di 6. È bene sottolineare che ci sono delle sostanziali differenze rispetto ad una RCA annuale e che non riguardano solo il fattore tempo.

In caso di assicurazione trimestrale non viene applicato il sistema Bonus Malus e ciò può avere delle ripercussioni, in quanto è possibile che l’automobilista non si riesca a mantenere la propria classe di merito. Per quanto riguarda quella di 6, non vi è il cosiddetto periodo di tolleranza, cioè i classici 15 giorni di tempo per divenire in regola con l’assicurazione e aprirne un’altra. Allo scattare dell’ultimo giorno di polizza, infatti, l’auto non potrà più circolare, né rimanere in sosta in strada.

Vantaggi assicurazioni temporanee

Le assicurazioni temporanee hanno tre vantaggi:

  • Permettono di risparmiare: a dispetto di quelle annuali, con le RCA temporanee si risparmia davvero tanto. Basta pensare alla polizza semestrale, che costa solo 300 euro. Quasi quanto una RCA annuale;
  • Se scelte dalle giuste compagnie, sono sicure. Ovviamente, non tutte le compagnie offrono questo tipo di offerta RCA. Questo perché, a lungo andare, sono decisamente sconvenienti poiché ad alto rischio e ad un costo elevato per chi offre assicurazioni. Ecco perché è bene sempre valutare le offerte sulla base dell’affidabilità della compagnia;
  • Conviene se hai una macchina estiva: se, ad esempio, disponi di una decappottabile da usare solo nei periodi di bella stagione, una RCA temporanea è sicuramente un ottimo affare. Di contro, probabilmente conviene un po’ meno se disponi di un’auto a rischio utilizzo più frequente.
Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]