La vitamina C, nota anche come acido L-ascorbico, è una vitamina idrosolubile. A differenza della maggior parte dei mammiferi e di altri animali, gli esseri umani non hanno la capacità di sintetizzare la vitamina C e devono integrarla con i cibi o gli integratori naturali.

La vitamina C è un cofattore essenziale in numerose reazioni enzimatiche: nella biosintesi di collagene, carnitina e neuropeptidi e nella regolazione dell’espressione genica.

È anche un potente antiossidante e un antidoto efficace per smettere di fumare e ridurre l’ansia causata dalla mancanza di nicotina.

Scopriamo in questa guida che cos’è, le funzioni e i benefici della Vitamina C.

Vitamina C: che cos’è?

La vitamina C, la cui formula chimica è C6H8O6, vanta due funzioni principali: antiossidante e cofattore enzimatico.

Agrumi (lime, limone, arancia, pompelmo) e pomodori sono buone fonti comuni di vitamina C.

Altri alimenti fonti di vitamina C includono papaia, broccoli, cavoletti di Bruxelles, ribes nero, fragole, cavolfiori, spinaci, melone e kiwi.

La quantità di vitamina C negli alimenti di origine vegetale dipende:

  • dalla varietà della pianta
  • dalle condizioni del terreno
  • dal clima
  • dalle condizioni di conservazione,
  • dalla modalità di preparazione. La cottura in particolare distrugge la vitamina C.

La maggior parte delle specie di animali sintetizza la propria vitamina C.

La sintesi è ottenuta attraverso una sequenza di fasi guidate da enzimi, che convertono il glucosio in acido ascorbico.

Funzioni della Vitamina C

La Vitamina C è il principale antiossidante solubile in acqua e non enzimatico nel plasma e nei tessuti.

Anche in piccole quantità, la vitamina C può proteggere le proteine, lipidi (grassi), carboidrati e acidi nucleici (DNA e RNA), dai danni causati dai radicali liberi e dalle specie reattive dell’ossigeno (ROS), che vengono generate durante il normale metabolismo, dalle cellule immunitarie attive e attraverso l’esposizione a tossine e sostanze inquinanti (ad esempio, alcuni farmaci chemioterapici e fumo di sigaretta).

La vitamina C partecipa anche al riciclo redox di altri importanti antiossidanti; per esempio, la vitamina C è nota per rigenerare la vitamina E.

Il ruolo della vitamina C come cofattore è anche legato al suo potenziale redox.

Mantenendo i metalli legati agli enzimi nelle loro forme ridotte, la vitamina C assiste le ossidasi a funzione mista nella sintesi di numerose biomolecole critiche.

Questi enzimi sono o monoossigenasi o diossigenasi.

I sintomi della carenza di vitamina C, come la scarsa cicatrizzazione e letargia della ferita, derivano probabilmente dalla compromissione di queste reazioni enzimatiche dipendenti dalla vitamina C, che portano alla sintesi insufficiente di collagene, carnitina e catecolamine.

Inoltre, diverse diossigenasi coinvolte nella regolazione dell’espressione genica e nel mantenimento dell’integrità del genoma richiedono la vitamina C come cofattore.

Infatti, la ricerca ha recentemente scoperto il ruolo cruciale svolto dagli enzimi, come le diossigenasi TET e le demetilasi istoniche contenenti il ​​dominio Jumonji, nel destino di cellule e tessuti.

Questi enzimi contribuiscono alla regolazione epigenetica dell’espressione genica catalizzando le reazioni coinvolte nella demetilazione del DNA e degli istoni.

Vitamina C e Sistema immunitario

La vitamina C interessa diversi componenti del sistema immunitario umano in vitro; ad esempio, la vitamina C ha dimostrato di stimolare sia la produzione che la funzione dei leucociti (globuli bianchi), in particolare neutrofili, linfociti e fagociti.

Le funzioni stimolate dalla vitamina C includono la motilità cellulare, la chemiotassi e la fagocitosi. Neutrofili, fagociti mononucleati e linfociti accumulano vitamina C ad alte concentrazioni, che possono proteggere questi tipi di cellule dal danno ossidativo.

I leucociti fagocitici rilasciano tossine non specifiche, come i radicali superossido, l’acido ipocloroso (“candeggina”) e il perossinitrito; queste specie reattive dell’ossigeno uccidono i patogeni e, nel processo, possono danneggiare i leucociti stessi.

La vitamina C, attraverso le sue funzioni antiossidanti, ha dimostrato di proteggere i leucociti dal danno ossidativo autoinflitto.

I leucociti fagocitici producono e rilasciano anche citochine, compresi gli interferoni, che hanno attività antivirale.

È stato dimostrato che la vitamina C aumenta la produzione di interferone in vitro.

Ulteriori studi hanno riportato che la vitamina C aumenta le capacità di uccisione dei neutrofili e chemiotattica e microbica e stimola la proliferazione e la differenziazione dei linfociti B e T.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]