L’arcipelago delle Tonga è uno stato insulare della Polinesia, che comprende 173 isole, di cui 53 sono abitate. Già dal secondo millennio a.C., su queste isole vi erano degli abitanti, e successivamente lo scoprirono olandesi e gli inglesi. Si sono resi indipendenti da questi ultimi nel 1970, ma la lingua inglese è sempre quella ufficiale, assieme al tongano. Per sapere come arrivarci e cosa fare o vedere, basta continuare a leggere la pagina.

Come arrivarci

E’ bene sapere come si arriva a questo arcipelago. Dall’Italia, bisogna prendere un aereo e fare scalo a Londra, Auckland o Los Angeles, e da lì prendere un aereo per l’arcipelago. In totale, tra scali e soste, le ore di viaggiano saranno più di trentasei. Il periodo più favorevole per recarsi in queste isole, è tra maggio e ottobre, quando il clima è più favorevole.

Per questo viaggiò, è necessario il passaporto, che permette di rimanere nel paese per un mese. Se si vuole soggiornare alle Tonga per più tempo, occorre procurarsi un visto. A seconda dell’isola in cui si vuole soggiornare, i mezzi di trasporti interni per muoversi o raggiungere altre isole possono variare.

Cosa vedere e fare

L’unica vera città di tutto l’arcipelago, è Nukuʻalofa, la capitale nonché sede del suo governo, ed è da lì che si può iniziare il tour dell’arcipelago. Il nome di questa città significa “dimora dell’amore”, ed uno dei palazzi da vedere è sicuramente quello reale, costruito nel 1867, e che comprende un giardino incantevole.

Sempre nella capitale si può visitare la Basilica di Sant’Antonio da Padova, il cui interno comprende ornamenti e vetrate colorate. Sia questa che le altre chiese, includono elementi di religione cristiana e cultura dell’isola. Uno dei musei più visitati è il Tongan National Centre, in cui sono presenti sculture ed altre opere artigianali dell’isola, lavorati negli ultimi secoli. Se si vogliono provare dei prodotti freschi locali, è possibile recarsi al Talamahu Market.

Sempre dalla città, ci può recare per escursioni ed ammirare la bellezza che la natura dell’isola ha da offrire, come Tsunami rock, un gigantesco massa, di cui si ignora il modo in cui sia arrivato sull’isola, circa settemila anni fa, o l’albero da cocco a tre teste, che non si trova in nessun altro luogo al mondo.

Sia che ci si rechi nelle spiagge vicino alle capitale o a quelle di altre isole, si può prendere il sole, nuotare, praticare sport d’acqua e fare delle vere e proprie gite di piacere. Una di queste escursioni, si può fare alla Royal Sunset Island, che si raggiunge con un battello dall’isola di Atata, in circa venti minuti. Nel resort si viene accolti con un drink di benvenuto e fare passeggiate, andare in piscina o andare in kayak.

Chi ama gli animali può optare per il Tonga Humpback Whale Experience, in cui una barca conduce nei luoghi dove sono localizzate le megattere, senza che il motore dell’imbarcazione li disturbi e, se le condizioni lo permettono, si può anche nuotare con questi animali, per poi godersi un pranzo sull’imbarcazione.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]