Tra gli esercizi che si possono effettuare sia in palestra che in casa, ci sono quelli con gli elastici. Ma quali sono questi esercizi? Quanti tipi di elastici ci sono? Che benefici possono apportare all’organismo?

I tipi di elastici

Gli esercizi da effettuare con questi elastici possono cambiare a seconda del tipo elastico usato. Noti come elastici fitness, e i più comuni sono le bande elastiche, delle strisce gommate piuttosto versatili, di diverse lunghezza e spessore.

Ci sono, inoltre:

  • gli elastici fitness con maniglie, che sono più comodi nell’impugnatura delle bande elastiche, che permettono di fare uno sforzo maggiore;
  • gli elastici fitness per le gambe, da fissare sotto i piedi;
  • gli elastici per trazioni, da usare per supporto nel fare questo esercizio;
  • i rotoli elastici fitness, che si possono tagliare a seconda delle proprie esigenze.

Tutti questi tipi di elastici sono disponibili nei negozi specializzati in attrezzature e abbigliamento sportivo, oppure su siti di e-commerce. A seconda del tipo, possono costare da una decina a una sessantina di euro.

Gli esercizi e i loro benefici

Sono diversi gli esercizi da poter effettuare con i vari tipi di elastici. Questi esercizi servono a rafforzare e tonificare braccia, gambe e glutei, a seconda dell’area del corpo su cui si lavora.

Con le bande elastiche, è possibile effettuare esercizi come:

  • il pull down al muro, che si esegue appoggiando la schiena contro il muro, mettendo ai polsi le bande elastiche e allungarli con le braccia sulla testa, muovendosi a 90° con i gomiti, tornando poi alla posizione iniziale. In questo caso, sono i dorsi e l’alta schiena a lavorare, e si consiglia di farne venticinque ripetizioni, in due serie;
  • i salti di caviglie, un esercizio classico, ma da effettuare posizionando l’elastico attorno alle caviglie, facendo attenzione a non alzare troppo il corpo, facendo venti o venticinque ripetizioni per due serie
  • l’estensione dei tricipiti, prendendo le bande elastiche con tutte e due le mani, posizionando un braccio al di sopra della testa, a 90°, e piegando l’altro in su. In questo esercizio si allunga la banda elastica e poi si torna alla posizione di prima, facendo prima con un braccio e poi l’altro. E’ necessario farne venti ripetizioni, per due serie;
  • la rotazione delle spalle, da fare dopo aver posizionato l’elastico attorno ai polsi, in modo che piegando i gomiti restino vicini al corpo, aprendo gli avambracci e ruotando i palmi in su. Questo esercizio va ripetuto in tre serie da quindici o venti volte, per allenare la parte superiore della schiena e le spalle;
  • il sollevamento laterale da terra, che si esegue come quello tradizionale, ma portando la fascia elastica all’altezza del ginocchio, ed anche in questo caso bisogna farne due serie da venti ripetizione, per far allenare di più addominali, tricipiti e quadricipiti.
Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]