La farsa piccante francese, o pochade, è un genera teatrale che ha origini antiche, ma si sviluppò nel 1200, in Francia, e si impose fra i vari sottogeneri del teatro nell’Ottocento, fino a influenzare anche il cinema. In genere, questa farsa è di carattere licenzioso e piccante.

La sua storia

Sebbene abbia origini antiche, la storia della pochade va da ricercare in quella della farsa in generale, magari proprio nel teatro latino, in cui il tipo di commedia si riconosceva dall’uso del tipo di maschere. E’ con autori come Molière, tuttavia, che questo genere di rappresentazione raggiunge il suo apice, in cui dietro a una farsa grottesca vi è, in realtà, un carattere più logico ed elaborato. Un esempio, nel teatro italiano, si può riscontrare, magari nella Mandragola di Macchiavelli (un secolo prima di Molière).

Nonostante questo genere teatrale non abbia riscontrato molto successo, all’epoca, il genere teatrale con le farse cominciò a svilupparsi sempre di più, accompagnati anche da intramezzi musicali, dando vita al vaudeville, che si sofferma soprattutto sulle peripezie del protagonista della commedia. La pochade si sviluppa nell’Ottocento, e comprende un unico atto, in cui la trama si aggira attorno a colpi di effetto, vicende amorose e vari intrighi. Tra i maggiori esponenti di questo genere ci sono Tristan Bernard e Georges Feydeau.

Una delle pochade più note

Tra le pochade più popolari, si può sicuramente citare L’uomo balia, di Georges Feydeau, che quest’ultimo scrisse con Maurice Desvallières, nel 1890, in cui gli attori sono in tutto tre uomini e cinque donne.

La scena si svolge nella casa dei signori Veauluisant: tutto inizia con il licenziamento della balia, che ha dimostrato di avere un carattere libertino e litigioso, e il suo amante, Balivet, praticante nello studio di un notaio, all’oscuro del fatto che sia stata mandata via, si reca a casa Veauluisant per incontrarla. Non appena entrato, viene inseguito da un domestico e allora si nasconde nella stanza della sua amante, per travestirsi da donna. Una volta uscito, i padroni di casa credono che sia la nuova balia, venuta per allattare il bambino. Balivet cerca di scappare, ma viene sempre bloccato dal domestico che, credendolo una donna, se ne innamora. Allora lui è costretto a dedicarsi ai lavori domestici, fino a che non viene cacciato, dopo che è arrivato un telegramma che comunica il ritardo della vera balia.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]