Il baseball è un gioco che affonda le sue radici fin dal Medioevo, ma è diventato popolare in Inghilterra nel Settecento e, successivamente, nel Nord America. In Italia, sembra essere diventato popolare negli anni Ottanta, ma quanto è popolare, effettivamente? Quali sono le regole del gioco?

Le regole del gioco

Nel gioco del baseball una squadra mette in campo nove giocatori. Di questi nove, i più importanti (e forse i più noti), sono quelli che ricoprono i ruoli di:

  • lanciatore, che ha il compito di lanciare la palla dal monte di lancio e deve cercare di eliminare il battitore;
  • ricevitore, che riceve la palla che il battitore della squadra avversaria non riesce a colpire.

Gli altri sette giocatori ricoprono dei ruoli di difesa, suddivisi per le basi del campo di campo, di cui quattro nell’area interna ed altri tre nella sua parte più esterna, ma in quest’area non ci sono basi. Una partita si sussidivide, in genere, in nove riprese, chiamate “innings”, suddivise tutte in due fasi, ed ogni squadra, terminata una ripresa, cambia il ruolo da battuta in difesa. Una fase termina quando tre dei battitori, ovvero i giocatori che dovono colpire la palla con la mazza da baseball, vengono eliminati, dopo aver fatto tentativi o “strike”.

Se il battitore colpisce la palla, diventa corridore e si reca alla prima base, ma la difesa può eliminarlo se riesce a toccarlo quando non è in contatto con una delle basi del campo. Se il battitore lancia la palla fuori dal campo, può percorrere tutte le basi.

Ottengono i punti i battitori che raggiungono le prime tre basi del campo e fa ritorno per dove ha battuto. Vince la partita la squadra che ha ottenuto più punti, ma nel caso di un pareggio, le due squadre devono continuare finché una non vince.

Il campionato e i giocatori di baseball italiani

In Italia, il primo campionato di baseball si è disputato nel 1986, in cui ha vinto la squadra di Grosseto, ma fino ad oggi ad aver vinto più scudetti è stata la quadra del Nettuno Baseball.

Tra i giocatori più noti, si possono citare due nomi che spiccano in vari articoli:

  • Alex Liddi, classe 1988, ligure, è difensore di terza base, la cui battuta media è di 208. E’ il primo giocatore italiano ad essere entrato nella Major Leauge Baseball (MLB) nella squadra dei Seattle Marines;
  • Alessandro Maestro, lanciatore dell’Emilia Romagna, oltre che in Italia ha esordito anche negli Stati Uniti, in Australia, in Giappone, nella Corea del Sud e in Messico.

Sebbene il baseball non sia così popolare in Italia quanto il calcio, non si può dire che non abbia riscosso un certo successo, considerando che la prima vera squadra di baseball italiano è stata formata nel 1946, ma ciò non toglie che abbia un suo pubblico, sia in Italia che in altri paesi, soprattutto se continueranno ad avere giocatori come Liddi, che riescono ad affermarsi anche all’estero.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]