Oggi, Giovedì 22 marzo 2018, moltissime città e paesini della regione Lombardia sono state interessate dal suono di due fortissimi boati che hanno alimentato la tensione e la paura tra la popolazione.

I due forti boati

Stamane poco dopo le ore 11:00 in tutta la Lombardia si sono uditi due forti boati, l’uno a distanza di pochi minuti dall’altro. Inutile dire che il panico è dilagato all’istante. Le persone affacciate alla finestra o per strada cercavano di capire cosa fosse, bambini e ragazzi fatti evacuare dagli edifici scolastici, segnalazioni da moltissimi comuni differenti. Immediatamente sui social si sono divulgate le prime ipotesi che raggiungevano il limite massimo pensabile, la fantasia ha preso il sopravvento. In realtà, a calmare il panico generale e la tensione fomentata da ipotesi ostentate è arrivata dal cielo una rivelazione. Non si trattava di attacchi o dell’esplosione di un’atomica, non si trattava neppure di scosse sismiche, in quanto il dipartimento di geologia e sismologia non hanno registrato alcuni terremoti nella zona, si trattava bensì di due aerei militari.

Perché gli aerei militari?

Alcuni gruppi di carabinieri della zona lombarda hanno iniziato le indagini e secondo le fonti, sarebbe stato individuato nella zona un aereo di linea Air France in movimento non identificato. Per scongiurare qualsiasi evenienza, possibilità e pericolo, due aerei militari caccia sarebbero stati mandati dalla base di Istria ad individuare l’aereo che successivamente è stato scortato presso un aeroporto per gli accertamenti. I due forti boati sarebbero quindi stati prodotti dai due caccia, che alla loro partenza hanno superato e oltrepassato la barriera della velocità del suono. Secondo le prime fonti l’aereo non avrebbe disposto della radio.

Gli aerei supersonici

Erano due gli aerei supersonici che questa mattina hanno creato preoccupazione nella popolazione lombarda. Gli aerei supersonici sono una tipologia di arei creati con la capacità di superare la velocità del suono ossia 1.193,4 km/h. Quando l’aereo raggiunge questa velocità si può udire un forte rumore, ossia il boato sonico, che alcune volte può essere accompagnato da un alone. Questi aerei vibrando all’interno dell’aria ad una velocità tale creano una sorta di onde sonore che generano il boato. Nello specifico quando il caccia supersonico va ad una velocità superiore a quella delle onde sonore, queste ultime si sovrappongono quasi a creare una barriera di fronte all’aereo, ossia l’onda d’urto. Questa venendo superata e colpita dall’aereo genera onde in tutte le direzioni, anche sul suolo dove è possibile sentire il boom sonico.