Dall’inizio della campagna  elettorale Vittorio Sgarbi non ha esitato a mostrare la sua disapprovazione nei confronti del candidato premier del Movimento 5 Stelle, conducendo la sua battaglia mediante social network, video, e interviste in programmi TV.

La battaglia persona di Sgarbi contro i 5 stelle

Nato nel 1952, Vittorio Sgarbi è un critico d’arte, ma anche politico e scrittore. Ha svolto vari ruoli in Parlamento e anche in amministrazioni locali, ottenendo anche il ruolo di sindaco di Salemi, in provincia di Trapani. Noto per la sua collezione di denunce penali e civili, non esita mai a dire la sua senza contare il costo delle sue parole.

Il critico d’arte ha scatenato il web ottenendo visibilità e consensi, ma anche disapprovazione e insulti. Attravaerso video sulla sua pagina Facebook ha promossi una campagna anti Di Maio. Ad esempio si è fatto riprendere da un suo collaboratore seduto sul Wc e con in mano un cellulare su cui ha mostrato la foto di Luigi Di Maio. Dopo frecciatine e prese in giro ha continuato dicendo “Per ca**re usate il lassativo Di Maio“. Sgarbi tornando in parlamento è stato avvicinato da Mara Mucci, precedentemente esponente del Movimento 5 Stelle e successivamente passata al PD, che gli ha mostrato il suo consenso e proponendosi come spalla nella lotta nei confronti di Luigi Di Maio. Vittorio Sgarbi non ha esitato un secondo, e secondo alcune fonti si sarebbe fatto passare alcune informazioni personali di Di Maio.

 

Le affermazioni di Vittorio Sgarbi durante Quelli che dopo il Tg

Recentemente in un’intervista TV per il programma televisivo Quelli che dopo il Tg sul canale Rai 2 , Sgarbi ha affermato di sapere qualcosa di molto personale a riguardo del candidato premier, l’omosessualità di Di Maio. Questa voce ha scatenato il pubblico e le ipotesi che forse questa notizia sia una delle possibili informazioni che la Mucci ha passato a Sgarbi. Quest’ultimo inoltre ha fatto il nome di un presunto compagno di Di Maio, ossia un certo Vincenzo Spafora.  Durante l’intervista Sgarbi afferma:”Sono dispiaciuto di aver aggredito questo ragazzo…sono però felice finalmente di avere un primo ministro gay, sereno, sorridente e affettuoso”.