Il sindaco Alberto Di Girolamo ha lanciato un nuovo appello durante delle interviste, affermando che sarà necessaria un nuovo tipo di comunicazione tra cittadini e amministrazione. Questo è dovuto al fatto che vi è la necessita di sensibilizzare la popolazione alla corretta raccolta differenziata.

Il sindaco riferisce che anche i giornalisti e gli organi di stampa avranno un grande ruolo in questa battaglia, al fine di aumentare l’informazione. Poi sottolinea che “aumentare la differenziata” significherebbe anche “pagare di meno” ed inoltre è un dovere di tutti i cittadini aiutare a preservare il territorio.

Lo slogan di questa campagna che inizierà la prossima settimana sarà “Marsala è casa mia. Mi rifiuto di sporcarla“. Questo atto del comune e della società che gestisce la raccolta rifiuti ha come obiettivo quello di aumentare il senso civico della popolazione.

Come guadagnare dalla raccolta differenziata

Agostino Licari, vicesindaco di Marsala, ha affermato che secondo i dati raccolti l’amministrazione ha accumulato il 38,83% di raccolta differenziata. La percentuata è aumentata arrivando a fine del 2017 del 54,25%. Il minor smaltimento ha comportato il risparmio di circa 1 milione e 200 mila euro. Una tonnellata smaltita costa infatti 170 euro mentre se i rifiuti indifferenziati trasportati all’estero o fuori dalla regione costa 100 euro in più. Per questo motivo imparare a rispettare e svolgere la raccolta differenziata si rivela un vero modo, oltre che per rispettare l’ambiente, anche per incrementare il denaro nelle tasche di tutti noi.

Tutti i marsalesi sono invitati ad informarsi e a seguire questa importante campagna.