La problematica del randagismo è molto preoccupante a Marsala, questo a mosso le istituzioni che il 16 gennaio hanno  tenuto al Palazzo Municipale di Marsala un incontro a riguardo. L’assessore Anna Maria Angileri ha tenuto l’assemblea in cui si è sottolineato il fatto che questo fenomeno così diffuso preoccupi i cittadini in maniera non indifferente. Per questo motivo sono state scelte dei metodi di contrasto del fenomeno. I rappresentati delle organizzazioni animaliste del zone vicine hanno contribuito, tra questi ricordiamo Rosa Errera di Randagi del Sud, Felice Licari dell’ENPA, Sarah Nilo e Paola Sobrio dell’Oipa Marsala. Questi insieme a Giuseppe Pipitone, il responsabile del canile, Giuseppe Spina, medico veterinario, e Michela Cupini, dirigente di polizia, hanno cercato delle soluzioni efficienti per trovare delle soluzioni.L’assessore Angileri afferma potentemente come le leggi da sole non aiutino a sensibilizzare gli animi riguardo all’argomento. Sottolinea di conseguenza come insieme all’aumento dei controlli sia indispensabile promuovere un progetto che ha come scopo aumentare le adozioni. Secondo quanto detto in assemblea verranno coinvolti gli istituiti scolastici per una sensibilizzazione maggiore ed inoltre saranno effettuati controlli per far rispettare le norme di microchippatura, raccolta di escrementi, l’utilizzo dei guinzagli e di sterilizzazione dei randagi. Il comune tiene a ricordare a chi non lo sapesse che nel canile è possibile, dalle ore 10.30 alle 12.30, dal martedì al venerdì presentarsi e ricevere in maniera del tutto gratuita l’applicazione del microchip.

Infatti, indice del poco interessamento della società a proposito dell’argomento trattato è riscontrabile nella poca partecipazione nell’iniziativa veterinari di primo soccorso di marsala. Il comune di Marsala l’anno scorso ha creato l’albo dei medici veterinari di fiducia, che attualmente e con grande rammarico conta solamente tre iscritti. Il dirigente Francesco Patti ha riaperto le ammissioni all’albo che scaderanno il 12 marzo. La collaborazione di cittadini, ma sopratutto di specialisti è necessaria e aiuterà moltissimo a marginare questo fenomeno triste e problematico.