Uno studio pubblicato nel 2014 sul Journal of Medicinal Sciences del Nord America ha validato la tesi che l’uso dell’acqua come pratica medica (idroterapia) risale almeno sin dall’antica Grecia, dove l’acqua calda termale era utilizzata per alleviare il dolore fisico.

Ci sono diverse fonti storiografiche che hanno confermato che l’idroterapia come trattamento naturopatico era diffusa tra le antiche popolazioni residenti in India, Egitto e Cina.

Acqua aerobica, stretching e massaggi termali sono sempre stati impiegati nel trattamento del dolore cronico, ansia, stitichezza, dolori della gravidanza etc. etc.

L’utilizzo dell’acqua per il trattamento di condizioni fisiche o psicologiche è conosciuto come idroterapia, terapia acquatica, terapia in piscina e balneoterapia. L’idroterapia era anche chiamata “idropatia“.

Ancor prima che gli studi potessero spiegare come funzionava l’idroterapia, gli antichi avevano compreso che l’acqua possedeva proprietà specifiche che aiutavano nella riabilitazione. L’idroterapia è consigliata a tutte le persone con innumerevoli problemi di salute: l’acqua aiuta a tonificare la pelle e i muscoli, senza “sovraccaricare” e “stressare” le parti del corpo doloranti o tese.

Idroterapia: che cos’è?

L’idroterapia può essere definita come “l’utilizzo esterno o interno dell’acqua in qualsiasi sua forma (acqua, ghiaccio, vapore) per la promozione della salute o per il trattamento di varie malattie con varie temperature, pressioni e durata“.

In buona sostanza, l’idroterapia è una pratica di medicina alternativa che utilizza l’acqua (di una piscina) come rimedio naturale per aiutare a gestire una varietà di sintomi.

Che cosa è l’idroterapia usata per trattare? L’idroterapia, a volte chiamata aquatics, è stata utilizzata per migliaia di anni ed è considerata una forma di terapia e di fisioterapia (o terapia fisica).

Oggi, le applicazioni terapeutiche dell’idroterapia comprendono la riabilitazione, il miglioramento dell’esercizio fisico, il rilassamento e la prevenzione degli infortuni.

L’idroterapia è un valido rimedio per trattare:

  • Dolori alle articolazioni, rigidità, distorsioni e qualsiasi condizione intollerante agli esercizi di carico (come mal di schiena, spondilite anchilosante, tendinite, ecc.)
  • Sintomi di artrite e dolori di osteoartrite
  • Paralisi, ad esempio a causa di un ictus
  • Disturbi neuromuscolari
  • Disordini muscolo-scheletrici
  • Patologie cardiovascolari e fattori di rischio (come l’ipertensione)
  • Disturbi polmonari
  • Disturbi dello spettro autistico (ASD), disabilità e ritardi motori nei bambini
  • Asma
  • Problemi con l’equilibrio
  • Lesioni ricorrenti
  • Dolori e dolori legati alla gravidanza
  • Fatica
  • Obesità
  • Mal di testa.

Idroterapia: quali sono le tipologie di trattamenti?

Come è una seduta di idroterapia? I trattamenti di idroterapia possono comportare l’uso di varie attrezzature quali: piscine, vasche di immersione, vasche di galleggiamento, sale Epsom o bagni sitz, pediluvi, inalazione di vapore, docce minerali svizzere, impacchi caldi o freddi e vasche idromassaggio.

Le sedute di idroterapia sono generalmente guidate da fisioterapisti, fisiologi, istruttori di fitness e, in alcuni casi, dal personale scolastico. Trattamenti di idroterapia privati ​​personalizzati che hanno lo scopo di gestire i sintomi della malattia sono offerti da fisioterapisti/terapisti qualificati.

È possibile rivolgersi a vari centri benessere e studi medici che offrono trattamenti con acqua idromassaggio, crioterapia, ecc.

Alcuni dei trattamenti più comuni di idroterapia o di terapia acquatica includono i seguenti:

  • Fisioterapia acquatica, che prevede movimenti specializzati e nuoto dolce per persone con disabilità o lesioni.
  • Corsi di ginnastica in acqua, come acquagym o acqua Zumba.
  • Acqua profonda che viene utilizzata per migliorare la forma fisica e la forza.
  • Massaggio acquatico.
  • Idroterapia a temperatura controllata (varie temperature possono produrre effetti diversi sui diversi sistemi del corpo).
  • Idroterapia del colon, che utilizza l’acqua per rimuovere le feci e i rifiuti dal tratto intestinale.

Benefici dell’idroterapia

La ricerca ha dimostrato quali sono i benefici dell’idroterapia.

#1. Aiuta a ridurre il dolore e il gonfiore

L’acqua ha alcune proprietà uniche che facilitano il movimento, anche quando si soffre di dolori: i trattamenti di idroterapia aiutano a ridurre il dolore delle articolazioni e dei muscoli. Le proprietà dell’acqua consentono anche una riduzione del carico sulle articolazioni, aumentando l’attività muscolare e il flusso sanguigno.

Una migliore circolazione durante l’esercizio in acqua è utile per ridurre l’edema (ritenzione di liquidi o gonfiore) e per promuovere la guarigione.

L’applicazione dell’idroterapia a freddo (crioterapia) può ridurre il dolore e il gonfiore in diversi modi. Per esempio, le basse temperature hanno effetti positivi sull’infiammazione, sull’edema locale, sulla velocità di conduzione nervosa (NCV) e sugli spasmi muscolari.

#2. Aumenta la resistenza fisica

L’idroterapia può aiutare le persone a migliorare la resistenza fisica e la qualità della propria vita. L’esercizio eseguito in piscina è l’ideale per le persone che soffrono di problemi ortopedici e desiderano rafforzarsi.

Rispetto ad altri corsi di fitness, l’idroterapia “aquarobics (o aerobica in acqua) si concentra su movimenti lenti e controllati e sul rilassamento delle parti del corpo tese.

Nel caso di un problema ortopedico, di un infortunio o di una condizione come l’artrite, l’idroterapia viene di solito eseguita con un fisioterapista. Il terapeuta guida il paziente attraverso i movimenti che aiutano a rimuovere la pressione dalle aree problematiche (compresa la colonna vertebrale), per rafforzare i muscoli.

#3. Può migliorare l’umore e il sonno

Gli studi suggeriscono che i trattamenti di idroterapia possono migliorare il rilassamento, aiutare a difendersi dagli effetti dello stress e migliorare l’umore. In alcuni casi, la temperatura della piscina verrà regolata durante i trattamenti di idroterapia per promuovere determinati effetti psicologici. Ad esempio, l’acqua calda aiuta a rilassare i muscoli e aumenta il rilassamento, mentre l’acqua fredda può essere energizzante e aiuta a rilasciare endorfine/adrenalina.

Ti è piaciuto l'articolo?
[Total: 0 Average: 0]