Dal luglio 2017 gli abitanti di Cesiomaggiore, un comune veneto in provincia di Belluno, sono preoccupati per la presenza di un mitomane che sotto il nome “Erostrato” ha inviato lettere di minaccia, messo un sacchetto di caramelle con degli spilli al suo interno in un asilo e scritto frasi naziste sui muri del comune. Le indagini non si sono mai fermate e la procura è arrivata ad indagare su una famiglia, di cui sarebbero gli accusati maggiori un padre di 72 anni e il figlio disoccupato. Oltre a questo comune, sono stati minacciati anche i cittadini di Santa Giustina, sempre nel bellunese. Nel mentre delle indagini le forze dell’ordine hanno deciso di perquisire i due uomini e recatesi nel loro appartamento hanno trovato alcuni libri, ormai sequestrati, tra cui lo storico Mein Kampf, manuale nazista scritto da Adolf Hitler. Inoltre è stato trovato un libro di batteriologia pratica, un quaderno con appunti strappati e degli spilli. Proprio da questi libri gli inquirenti sono arrivati ai due, cercando i nomi nella biblioteca del comune di Cesiomaggiore. Nonostante le indagini continuino, i cittadini sono spaventati, sopratutto perché non si può prevedere se ci saranno ulteriori atti criminali. La prima attività di Erostrato è stato scrivere sui muri del comune di Cesiomaggiore, successivamente ha vandalizzato i muri del cimitero, ha scritto frasi a favore di Adolf Hitler sul muro di una chiesa, in seguito è stato incendiato un magazzino di legname ed è stata inviata una lettera di minaccia contenente della polvere bianca, al sindaco. Nei giorni successivi sono state inviate ulteriori lettere di minaccia, non solo per il sindaco, ma anche per la Chiesa e il parroco, a favore del nazismo e del satanismo. L’evento più spaventoso è stato quando il mitomane ha messo all’interno di un asilo un sacchetto con delle caramelle contenenti degli spilli. La maestra dell’asilo trovato quel sacchetto e al suo interno anche una lettera simile a quella inviata al sindaco ha immediatamente contattato le forze dell’ordine.