In Russia, in una cittadina al confine con la Cina sono state ritrovate 53 mani mozzate. Un mistero che ha scioccato l’opinione pubblica che si sta dividendo sulle cause a riguardo. Alcuni hanno ipotizzato si trattasse di pene inflitte a dei ladri, ma in seguito sono ritrovate copri scarpe in plastica e garze mediche. La piccola cittadina di Khabarovsk è tesa e inquietata dall’accaduto. Le forze dell’ordine russe sono state chiamate da alcuni pescatori appena avvenuto il ritrovamento, dopo che uno degli uomini è inciampato su una di esse. Le mani sono state rinvenute sotto il ghiaccio e la neve.

Le 27 mani rinvenute

A seguito del ritrovamento di garze e calzari, la polizia russa ha iniziato a seguire la pista delle strutture sanitarie dove si pensa sia avvenuto per qualche motivo la vicenda. Nonostante ciò non c’è un apparente motivo che spieghi l’accaduto e i media locali hanno divulgato la notizia che si potrebbero trattare di mani appartenenti a persone cadute in giri del mercato nero di organi. Sono stati condotti i primi accertamenti che hanno dimostrato secondo analisi preliminari che si tratterebbero delle mani di 27 persone. Sono inoltre state ritrovate impronte digitali sui sacchi che non corrispondono alle dita delle mani tagliate. Si pensa che il taglio delle mani sia stato effettuato per rendere difficoltoso il riconoscimento di cadaveri. Le forze dell’ordine non hanno voluto rilasciare interviste ed esprimersi a riguardo del terribile accaduto.

 

Il disgusto del popolo del web

Le foto degli arti tagliati non hanno tardato ad essere divulgate anche sul web, su social network come Instagram, Facebook e Telegram. Questo a generato molto disgusto e ha infervorato gli animi. Molte persone si sono espresse a riguardo, divulgando molte ipotesi come le più terribili e gettonate che riguardano il cannibalismo, il traffico di organi, i riti. Secondo il Comitato Investigativo Russo non vi sarebbe crimine, ma  ‘il materiale biologico è stato eliminato violando legge’. Le indagini da parte della polizia continuano e sono indagate anche le organizzazioni di smaltimento dei rifiuti biologici. Le mani potrebbero essere quelle che generalmente nell’obitorio vengono tagliate per l’esame di identificazione, ma per il momento non vi sono stati annunciati possibili riscontri. Il mistero per il momento non è ancora stato risolto,  ma sicuramente nei prossimi giorni verranno fuori ulteriori informazioni. Intanto la cittadina di Khabarovsk e tutta la Russia rimangono in attesa di avere risposte in modo da placare e tranquillizzare gli animi.