Momenti di paura stasera al John XXIII Nursing Home a causa di un ospite somalo di 23 anni che era senza fiato. Erano circa le 01.30 quando una guardia di sicurezza europea della casa di cura notò l’ospite somalo che diede segni evidenti di instabilità a volte violenti.

L’agente ha cercato di calmare la persona e ha iniziato a fare e distruggere tutto ciò che era alla sua portata. Nulla è accaduto al tentativo dell’agente di calmare il giovane.

A questo punto, è necessario, nella sala operativa di Europol, affrontare in loco altri rinforzi e avvisare anche la locale Compagnia dei Carabinieri.

Sul posto ha trovato di più grazie all’autoradio Europol e lo staff ha cercato di bloccare il mondo dando calci e pugni a porte, finestre, armadi, computer, ecc. E cercando di colpire lo staff della struttura.

Poco dopo il giorno fu passato un caso sul suo caso. Lo stesso è stato accompagnato nella casa di riposo.

Durante il tentativo di bloccare il Somalo, due agenti dell’Europol sono in pericolo e lividi e spesso ricorrono alle cure dei medici dell’ospedale.