Gianluca Dardo è il fratello di Francesco Dardo, il ragazzino arrestato a Marsala perchè accusato insieme a Antony Licari di stare tentando di rubare un ciclomore in un garage. I due ragazzi di 20 e 21 anni sono stati trovati in un garage di una palazzina, in cui abitava anche un poliziotto che li ha colti sul fatto e ha provveduto a trattenerli. I ragazzi erano già familiari alle forza dell’ordine ed il fermo è stato reso valido. I due sono stati arrestati per furto aggravato. Di seguito il comunicato stampa del commissariato:

Il Commissariato di P.S. di Marsala ha proceduto, nella giornata di martedì u.s., all’arresto di LICARI Antony e DARDO Francesco, rispettivamente classe 1996 e 1998. Già noti per precedenti di polizia, entrambi sono stati colti nella flagranza del reato di tentato furto aggravato in concorso.
In particolare, la notte del 6 febbraio, un poliziotto – in forza alla Squadra Volante del locale Commissariato di P.S. – libero dal servizio, si trovava a scendere le scale che dalla propria abitazione conducono al garage condominiale sotterraneo, quando percepiva distintamente delle voci e una luce provenire da un gabbiotto in metallo ivi presente, che custodiva un ciclomotore.
L’agente, dunque, resosi immediatamente conto della probabile presenza di intrusi, azionava l’interruttore principale della luce, cogliendo sul fatto i predetti LICARI Antony e DARDO Francesco, i quali, in quegli istanti, erano intenti ad armeggiare sulla serratura del predetto box. I due soggetti, ormai scoperti, tentavano la fuga, ma venivano bloccati grazie alla prontezza di riflessi dell’operatore, il quale, tramite centrale operativa, faceva convergere sul posto un equipaggio della Squadra Volante.
Sottoposti a perquisizione personale, indosso al LICARI Antony veniva rinvenuto un grosso cacciavite, della lunghezza totale di circa 17 centimetri, che, da un successivo esame da parte della Sezione Scientifica del Commissariato di P.S., risulterebbe essere stato utilizzato proprio nel vano tentativo di aprire il gabbiotto.
Condotti presso gli uffici di Polizia della Via Verdi, i due malviventi venivano dichiarati in stato di arresto e, come disposto dal P.M. di turno, tradotti presso le rispettive abitazioni in attesa dell’udienza di convalida. In data odierna, l’A.G. convalidava entrambi gli arresti in argomento, disponendo per il solo LICARI la misura dell’obbligo di dimora con reperibilità domiciliare nelle ore serali e notturne.

In seguito all’uscita della notizia su notiziari e social network i due ragazzi sono stati presi di mira attraverso vie mediatiche. Il fratello di Francesco Dardo ha voluto difendere il fratello dicendo: “Serata di maltempo, lunedì sera. Questi due ragazzi vedono l’ingresso di un cancello aperto, si accostano, riparandosi dalla pioggia, giustamente arriva un poliziotto in borghese e li vede lì, ma non c’era nessuno scasso, nessuna cosa per dire che questi due ragazzi stavano rubando”. Di seguito l’immagine dell’intero discorso di Gianluca Dardo a riguardo della vicenda.