Ieri, 26 ottobre 2014, Denise Pipitone ha compiuto 14 anni, 10 dei quali passati lontani dall’affetto della sua famiglia, dal calore della sua casa, dall’abbraccio dei suoi genitori, che un decennio dopo la sua scomparsa ancora combattono per riabbracciarla.

Quella bambina che tutti hanno imparato ad amare tramite le foto e i video diffusi nel tentativo, finora vano, di ritrovarla, è ormai un’adolescente, una piccola donna. Commoventi le parole che i suoi genitori le hanno dedicato nel giorno del suo quattordicesimo compleanno. In poche righe il ricordo, la forza e la speranza di una mamma e un papà che sognano di poter riabbracciare presto il loro “piccolo fagottino con il faccino paffutello”.

“DENISE OVUNQUE TU SIA AUGURI PER IL TUO 14ESIMO COMPLEANNO”. Inizia così la lettera di buon compleanno dei genitori di Denise, pubblicata anche sul blog http://informazione.cerchiamodenise.it. E continua “Ti abbiamo cercata voluta e amata, il 26 ottobre del 2000, sei nata tu!Denise, bellissima, un piccolo fagottino con il faccino paffutello che come un raggio di sole ci hai scaldati il cuore dal primo istante in cui ti abbiamo vista. Il 1 settembre del 2004, qualcuno ha deciso per noi, la nostra vita, il nostro amore, il nostro dolore, strappandoti dalle nostre braccia con un gesto tanto vile e disumano. Qualcuno ha deciso che era troppo l’amore che ti davamo, ed allora a messo fine a tutto questo, ma no al nostro pensiero al nostro cuore alla nostra anima e soprattutto alla speranza….

Anche se lontani, mentalmente sempre vicini. Ti auguriamo che la vita ti sorrida sempre e che da tutto questo male tu possa ricevere solo tanto bene. Che Dio ti protegga, ci manchi tanto. T.V.B (Mamma e Papà)”

In occasione del compleanno di Denise, Mazara del Vallo, ha deciso di realizzare, grazie alla volontà dell’Amministrazione Comunale d’intesa con i genitori, una stele dedicata a Denise Pipitone e a tutti i bimbi scomparsi nel mondo.

L’installazione si trova in piazza Macello e la cerimonia si è svolta nella mattinata di oggi, alla presenza delle autorità civili, militari e religiose e delegazioni delle scolaresche materne, elementari e medie inferiori della Città. La stele si trova dinanzi al plesso scolastico frequentato dalla piccola prima della scomparsa.